Corneliu LEU - SECOLUL SI DEMOCRATIA
Mariana Cristescu, Damen Passo Doble, Editura Nico, Târgu Mures, 2012

ÎN MARTIE ÎN ORIZONTURI CULTURALE ITALO-ROMÂNE

www.orizzonticulturali.it / www.orizonturiculturale.ro (nr. 3, martie 2016, anul VI)


 
Editia romana

 
Cartile lui Umberto Eco in casele romanilor

La plecarea dintre noi a extraordinarul nostru contemporan, Doina Condrea Derer urmareste parabola cartilor lui Umberto Eco in Romania, pornind de la „miracolul” publicarii primului sau roman, ce l-a facut cunoscut dincolo de cercul de elita al specialistilor. Traducerea Numelui trandafirului a aparut in 1984, in plin regim comunist. Daca inainte de caderea comunismului fusesera talmacite putine lucrari teoretice, dupa aceea, numarul lor a crescut sensibil, iar in ultimii ani s-a redus si distanta dintre data aparitiei versiunii romanesti fata de original.


Naratiunea ca un puzzle. In dialog cu Doina Rusti

„Mie insa imi place sa scriu fragmentar si am facut-o in mai multe cazuri. Iubesc satisfactia pe care o resimte iubitorul de rebus, iubesc romanele politiste, imi place Faulkner. Mult. si profund. si, de asemenea, imi place sa montez filme, sa asamblez secvente de film. Toate aceste placeri stau la baza inclinatiei mele pentru proza puzzle”. Ne marturiseste Doina Rusti in dialogul lunii la „Invitatii Smarandei Bratu Elian”, conturand profilul si strategia operei sale narative. In Italia au fost publicate, in traducere, trei dintre romanele sale: Zogru, Lizoanca si Omuletul rosu.


Scriitori italieni tradusi in romana. Publicatiile anului 2015

Cei interesati de scriitorii italieni tradusi in romana pot vedea titlurile publicate in 2015 la pagina bazei noastre de date Italienistica traduceri, coordonata de Afrodita Cionchin. Pe langa clasicii din colectia „Biblioteca Italiana” a editurii Humanitas, precum Leon Battista Alberti si Torquato Tasso, se remarca scriitorii contemporani printre care Alessandro Baricco, Fausto Brizzi, Luca Di Fulvio. Nu lipseste, bineinteles, Umberto Eco, cu ultimul sau roman, Numarul zero. Invitam in continuare editorii si traducatorii sa ne scrie la adresa info@orizonturiculturale.ro pentru a ne semnala alte titluri.


Englezismele din limba italiana, o problema de actualitate

Accademia della Crusca a declarat razboi folosirii fara masura a cuvintelor in limba engleza in locul celor italiene. Englezismul cel mai des intalnit in aceste zile este step child adoption. Folosit in contextul propunerii de decret privind legea reglementarii uniunilor civile, atat heterosexuale cat si homosexuale, termenul cu pricina ar putea fi tradus prin „adoptarea fiului partenerului de viata”. Prea lung pentru jurnalisti si parlamentari. Accademia della Crusca propune atunci o alta solutie: „con-figlio” (cu fiu) dar in sensul de „con+figlio” (partener de viata plus fiul), un neologism. De Raluca Nita.


Din noua serie „Lectura Dantis": Purgatoriu I si II

Initiem un nou ciclu al lecturilor lui Dante realizate de Laszlo Alexandru si dedicate Purgatoriului, in care Dante si Virgiliu intra intr-o lume mai blanda, dupa oribilul univers infernal. Aici stau sufletele care s-au pocait si sunt acceptate sa se curete de pacate, inainte de-a urca in Paradis. „Tonul e modulat de viziunea blanda a unei realitati complexe si incarcate de antiteze: avem ape mai blande, dar si groaznica mare, aspiratia spre cer, dar si dureroasa experienta cotidiana a expierii. Purgatoriul apare ca o cantica a experientei totodata pacificatoare si dramatice” (T. Di Salvo).


Universul avangardist al lui stefan Bertalan, reprezentat la Timisoara

Expozitia stefan Bertalan: Timisoara si avangarda artelor europene a deschis anul expozitional 2016 la Muzeul de Arta din Timisoara. Inaugurata in 28 ianuarie 2016 in Sala Baroc, expozitia contine toate lucrarile maestrului Bertalan detinute in colectiile din depozitele Muzeului, pe simezele celor patru sali de la etajul doi aflandu-se pictura lui Bertalan, instalatiile create, contributia lui la scoala de arta si arhitectura din Timisoara si din Romania, fotografiile realizate de maestru. Expozitia poate fi vizitata pana in 10 martie 2016, de marti pana duminica.


O Seara Italiana dedicata clasicilor repovestiti

Serile Italiene, prin subiectele dezbatute lunar, prezinta constant fatete ale literaturii italiene care suscita interesul adultilor pasionati de lectura. Cea mai recenta dintre intalniri, din 24 februarie 2016, s-a axat, insa, pe un domeniu atipic: literatura pentru copii si clasicii repovestiti, pornind de la Logodnicii. Repovestire de Umberto Eco dupa romanul lui Alessandro Manzoni, tradus de Diana Calangea, un volum care face parte din colectia Save the Story a editurii Curtea Veche. Invitatii si publicul prezent la Libraria Humanitas Kretzulescu urmau sa vada ce mai citesc copiii. Cronica de Renata Stoica.


Lectura placuta!

www.orizonturiculturale.ro
Revista este inregistrata in Italia, ISSN 2240-9645 www.orizzonticulturali.it


 

Edizione italiana


Eco 1. Quando «Il nome della rosa» sfuggì alla censura comunista

Alla memoria di Umberto Eco e a una ricognizione della recezione della sua opera in Romania è dedicato il profilo di Doina Condrea Derer che qui pubblichiamo. Insieme ad aspetti di critica letteraria, l'autrice ricorda anche come la pubblicazione de Il nome della rosa, primo romanzo che rese celebre Eco oltre la cerchia degli addetti ai lavori, fu una sorta di «miracolo» in Romania: la traduzione, infatti, uscì già nel 1984, sfuggendo all'opprimente censura comunista. Completano il testo annotazioni sull'ampio materiale critico prodotto in Romania su Eco, insieme a traduzioni di saggi e volumi teorici.


Eco 2. E Grigore Gonta mise in scena «Numele trandafirului»

Nel 1998 Grigore Gonta, noto regista romeno, mette in scena per la prima volta al Teatro Nazionale di Bucarest Numele trandafirului, spettacolo teatrale basato su Il nome della rosa e volto a restituire in chiave drammaturgica un’opera molto complessa per tema, struttura e linguaggio. Lo spettacolo di Gonta costituisce il tema e l’orizzonte del volume «Il nome della rosa» a teatro, del professor Armando Rotondi (Università di Napoli «L’Orientale»), da cui traiamo l’intervista nella quale Gonta ripercorre la complessa e ardita messa in scena teatrale del capolavoro narrativo di Eco.


Il puzzle che racconta: l'opera narrativa di Doina Rusti

«A me piace scrivere frammentariamente e così ho fatto il più delle volte. Amo la soddisfazione del lettore dei cruciverba, amo i gialli, amo Faulkner. Molto. E profondamente. E amo ugualmente montare dei filmati, assemblare le sequenze di una pellicola. Sono tutti questi piaceri che stanno alla base della mia propensione per una narrativa puzzle». Così Doina Rusti, nota scrittrice (e non solo), in un dialogo con Smaranda Bratu Elian, da cui risaltano profilo e strategia della sua opera narrativa. In Italia sono stati finora tradotti tre romanzi della Rusti: Zogru, Lisoanca e L’omino rosso.


Quando il male si fa carne: «Poveri corpi» di Sonia Larian

Lo scorso 23 gennaio 2016 si è spenta a Parigi la scrittrice Sonia Larian, pseudonimo di Ariane Leibovici-Lewenstein. Nata nel 1931 a Bucarest, esordì nel 1952 con racconti per ragazzi, unico genere che le consentì di pubblicare senza sottostare a compromessi ideologici. Il suo primo «vero» romanzo, Biblioteca fantastica (Cartea Romaneasca, 1976), ricevette il premio dell’Unione degli Scrittori di Romania, ma il suo capolavoro è e rimane il secondo romanzo, Bietele corpuri (Cartea Romaneasca, 1986). Ne pubblichiamo un frammento, con presentazione e a cura di Anca-Domnica Ilea.


Il tutto dai frammenti: Gheorghe Vidican e il suo «3D», poesie 2003-2013

«Una poesia spaesante, dentro e fuori la realtà, senza mai indulgere a fatti occorsi o a riferimenti tragici, com’è per la tradizione romena, incatenando i fatti alle parole». È quella di Gheorghe Vidican, uno dei protagonisti della poesia romena contemporanea, nel giudizio di Laura Raineri, autrice del testo critico che qui pubblichiamo. Di Vidican, grazie ad una collaborazione multidisciplinare, è stata di recente pubblicata in italiano la raccolta 3D, poesie 2003-2013 (CFR edizioni, Sondrio 2015). Presentazione e selezione di versi a cura di Laura Rainieri.


«Andrò a Nord della parola». Versi di Eliza Macadan

«Andrò a Nord / della parola / nella siberia sintattica / il gelo muto / a cavallo sul pianeta veglierò / la morfologia della fine». Così i versi di Eliza Macadan, nata nel 1967 in Romania, esordio poetico sulla stampa letteraria nel 1988 e in volume nel 1994. Macadan scrive poesie in romeno, italiano e francese. «È una poesia di moto, un “andante con moto” inesorabile come il fluire dei tempi in un gorgo. L’universo oggettuale della Macadan ha un’aria di famiglia con il realismo terminale di Guido Oldani, su un versante meno profetico e più visionario» (A. Anelli). Ne pubblichiamo una selezione di versi.


I classici riscritti per ragazzi alla Serata Italiana di Bucarest

Lo scorso 24 febbraio alla Libreria Humanitas Kretzulescu di Bucarest si è svolta una Serata Italiana dedicata alla letteratura per ragazzi, specie ai classici reinterpretati. Spunto per la discussione è stato il romanzo I Promessi Sposi: Umberto Eco racconta la storia di Alessandro Manzoni, tradotto anche in romeno. Tra gli invitati: Smaranda Nicolau, che ha presentato la collana per ragazzi «Save the Story»; Oana Bosca-Malin, intervenuta sulle reinterpretazioni dei classici nella letteratura italiana; la psicologa Maria Iordanescu e la scrittrice Doina Rusti. Cronaca di Renata Stoica.


Buona lettura!
Bookmark and Share
Tipareste acest articol
O noua aparitie editoriala - Elena Chirita
STEFAN CUCU - „EMBLEMATIC FILOLOG CLASIC ROMÂN DE AZI”
Coperta Carte - Elena Chirita
Elena Chirita - Cum vorbim in public
Madalina Corina Diaconu
Madalina Corina Diaconu
Lazar Ladariu –„Secunda de pamânt”
HOLOCAUST. Destine la rascruce
Elena Chirita - POLITICA SI DIPLOMATIE - interviuri
Mariana Cristescu - Trandafirii desertului
Pentru Credinta, Neam si Tara de Lazar Ladariu si Mariana Cristescu
Locations of visitors to this page