Corneliu LEU - SECOLUL SI DEMOCRATIA
Mariana Cristescu, Damen Passo Doble, Editura Nico, Târgu Mures, 2012

MONADE (3) – POEME BILINGVE

Melania CUC

 
 

 

TRAVALIU

 

Nu se  leaga cuvintele  in rugaciunea

Pe care o tot reiau de la capat

Incercand sa invat  rostul nou al orasului.

Este a patra zi de sarbatoare sub teiul in floare

Si pruncul tot nu vrea sa se nasca

In ieselea cu scutec de aur.

Ati inventat degeaba forepsul,

Bisturiul si facerea fara durere;

In jurul mesei  de operatie

Se usuca din radacina migdalii salbatici.

Travaliul continua ziua si noaptea,

Unghia veacului razuie la sange

 Imaginea materna de pe cartea postala.

- Vand suveniruri! tip in megafoane

Si  se reped sa-si  ia in primire

Ratia promisa de fericire

Magii, mentalistii si trupa artistilor liberi.

Daruri lumesti peste vorbe  decapitate

Tixesc pervazul, pe care talpile unei

Perechi de botine micute

Au lasat pansoane fara serie, fara numar.

 

 

TRAVAGLIO

 

Non si legano parole alla preghiera

Che sempre riprendo da capo

Cercando d'imparare il nuovo ruolo della città.

E' il quarto giorno di festa sotto il tiglio in fiore

E il bimbo non vuole ancora nascere

Nella greppia in fasce d'oro.

Invano avete inventato il forcipe,

Il bisturi ed il parto indolore;

Intorno al tavolo operatorio

Si seccano alla radice i mandorli selvatici.

Il travaglio continua giorno e notte,

L'unghia del tempo raschia a sangue

L'immagine materna sulla cartolina.

-Veendo souvenir! urlo nei megafoni

E si precipitano a ricevere

La razione promessa di felicità

Maghi, mentalisti e una truppa di liberi artisti.

Doni secolari su parole decapitate

Affollano il davanzale, ove le suole d'un

Piccolo paio di stivaletti

Han lasciato punzoni senza serie, senza numero.

 

 

DOAR SPAL RUSINEA DE COLB

 

Beau bere rece prietenii cu dusmanii,

Cainii comnitari si  hingherii

Fac marsul pacii

Pe sub pielea sacoului

Ce ma strange la guler si  coate. 

Am crescut  intr-o casa de licitatie,

Printre cristale de Baccara

Ce s-au tandarit de podele.

Am promis  ca voi trai pana la capat

In veranda asta

Cu gemuri patate de muste

Si cu  balansoarul in care mai motaie inca

Salul bunicii.

De ce-mi trimiti in plic sigilat

Frunze decupate din platanii

Ce umbreau odata

Curtea sanatoriului de nevroze?

Este  ger  cumplit la palat,

Sunt razboie fratricide si maieste in penaj vopsit

La fiecare colt de poveste...

Antichitatile au patina unei glorii apuse.

Nu vorbesc aici despre eroi,

Doar spal rusinea de praf,  o intind

Pe firul prin care trece muteste

 Curentul electric.

Copiii ridica  din umerii in  care

Aripile dor si cresc mai departe.

 

 

LAVO SOLO L’ONTA DELLA POLVERE

 

Bevon birra fredda gli amici coi nemici,

I cani randagi e gli accalappiacani

Fan la marcia della pace

Sotto la pelle della giacca

Che mi stringe al collo ed ai gomiti.

Son cresciuta in una casa d'aste,

Tra cristalli di Baccarat

Sbriciolati al suolo.

Ho promesso di vivere sino alla fine

Su questa veranda

Coi vetri insudiciati dalle mosche

E con il dondolo ove ancora sonnecchia

Lo scialle della nonna.

Perché mi spedisci in busta sigillata

Foglie staccate dai platani

Che un tempo ombreggiavano

Il cortile del sanatorio di nevrosi?

C'è un gelo insopportabile a palazzo,

Sono guerre fratricide ed accresce in piumaggio colorato

Ad ogni piega della storia...

Le antichità hanno patina di gloria decaduta.

Qua non parlo di eroi,

Lavo solo l'onta della polvere, la stendo

Sul filo attraverso cui corre muta

La corrente elettrica.

I bimbi scrollano le spalle dove

Le ali affliggono e crescon più lungi.

 

 

ACTUL 3

 

Ascunsa in faldul cortinei de plus prafuit

Paiata asteapta sa intre in rol.

Pe scena a urcat Rigoletto.

Siruri si siruri de scaune din mahon

Sunt prezente la evenimentul anului x.

Ma ridic  si eu din fosa orchestrei de swing,

Dintre notele risipte ca anii cei tineri.

Departe, si mai departe

Pe sugativa cu tus violet

Se labarteaza memoriile altui regizor.

Din  gatul sticlei cu vinul batran

Ies aburii fluierand ca uitatele trenuri.

La garderoba facem schimb de paltoane,

Figuranti si intr-un cap de afis

Si o trasura plina cu flori de omat

Isi rostogoleste rotile peste scena murdara.

Este noaptea in care

Boierii petrec sub marmura din care

Excavatoarele  au scos, fara nici o problema,

Trupul lui David.

 

 

 ATTO 3

 

Nascosto nel lembo di sipario del polveroso peluche

Il pagliaccio attende di entrare nella parte.

Sulla scena è salito Rigoletto.

File e file di sedie di mogano

Son presenti all'evento dell'anno x.

Mi levo anch'io dalla fossa dell'orchestra di swing,

Tra le note dissipate come gli anni della gioventù.

Lontano, e più lontano

Sulla carta assorbente dall'inchiostro viola

Si sforman le memorie dell'altro regista.

Dal collo di bottiglia con vino vecchio

Escon vapori fischianti come treni dimenticati.

Nel guardaroba facciamo cambio di paltò,

Comparse e ad un capo del manifesto

Pure una carrozza piena di fiori di neve

Muove le ruote sopra un lurido palco.

E' la notte in cui

I nobili fan baldoria sotto il marmo ove

Le scavatrici han tirato fuori, senza problemi,

Il corpo di Davide.

 

 

LA SEMAFOR

 

Zorii-mi sangereaza in ochi si in gura.

Ecranul aparatului de resuscitare

S-a spart.

Medicul imi ia pulsul

O data

La fiecare  mie de ani.

Respiram alternativ, eu si masinaria

Ce-mi mangaie mana cu atata tandrete

Ca-mi vine sa plang.

Accidentul de care ma tem cel mai mute

Va avea totusi loc

Printre pasi de dans african si

Boschetii in care  canta greieri ai verii pierdute.

Doar la semafor

Batranul motan se opreste,

Apoi face un pas si isi inceraca norocul

Strecurandu-se printre pantofi cu toc-cui

Si bocanci militari.

Am ajuns fara Timp.

Stam la rand in triaj  si maxilarul scrajneste

Din osia  neunsa a unui vagon desuet de tramvai.

 

 

AL SEMAFORO

 

L'alba sanguina nei miei occhi e nella bocca.

Lo schermo del dispositivo di rianimazione

S'è rotto.

Il medico mi prende il polso

Una volta

Ogni mille anni.

Respiriamo in alternanza, io e il macchinario

Che mi carezza la mano con tanta tenerezza

Che mi vien da piangere.

L'incidente che più temo

Avrà comunque luogo

Tra passi di danza africana e

Boschetti ove cantan grilli dall'estate perduta.

Solo al semaforo

Il vecchio gatto si ferma,

Poi fa un passo e tenta la fortuna

Infilandosi in scarpe con tacchi a spillo

E scarponi militari.

Son giunta senza Tempo.

Stiamo in coda allo smistamento e la mascella stride

Dall'asse sgrassato d'un vecchio vagone di tram.

-------------------------------------------------------

 

(traducere in limba italiana  de Luca Cipolla)

 

Melania CUC

Bistrita

septembrie 2014

Bookmark and Share
Tipareste acest articol
O noua aparitie editoriala - Elena Chirita
STEFAN CUCU - „EMBLEMATIC FILOLOG CLASIC ROMÂN DE AZI”
Coperta Carte - Elena Chirita
Elena Chirita - Cum vorbim in public
Madalina Corina Diaconu
Madalina Corina Diaconu
Lazar Ladariu –„Secunda de pamânt”
HOLOCAUST. Destine la rascruce
Elena Chirita - POLITICA SI DIPLOMATIE - interviuri
Mariana Cristescu - Trandafirii desertului
Pentru Credinta, Neam si Tara de Lazar Ladariu si Mariana Cristescu
Locations of visitors to this page